Roma, cassonetti stracolmi e bruciati: è di nuovo emergenza rifiuti

Interi quartieri della Capitale invasi dall’immondizia, caos e disagi soprattutto nel quartiere di Primavalle, dove i roghi dei cassonetti hanno danneggiato anche un'auto in sosta

È un quadro desolante quello che si vede emergere nelle ultime 48 ore tra le strade di Roma, letteralmente invase da tonnellate di rifiuti. Scatoloni, pacchi, carta regalo e avanzi dei cenoni di Natale stazionano ancora tra i cassonetti, e in alcuni casi a pochi metri dai portoni di casa.

Si sono formate montagnole di rifiuti in varie zone della Capitale, come a Portuense (in particolare davanti alla succursale del liceo Montale) e a Marconi, al piazzale della Radio. Enormi quantità di spazzatura che inevitabilmente ha attirato l’attenzione di gatti e topi, come sottolineato dalle lamentele degli abitanti dei quartieri. Stessa cosa in svariate altre zone, come Magliana, Porta Portese e Trastevere, dove i cassonetti straripano a poca distanza dai portoni dei palazzi. Così come a Garbatella dove, davanti al teatro Palladium, accanto a immondizia e carta per regali, c’è addirittura un materasso.img-20161227-wa0004

La situazione è molto grave soprattutto in zona Primavalle. Non molto lontano, infatti, in via del Forte Braschi, qualcuno ha lasciato un frigorifero e pezzi di letto tra i cassonetti; in via Sant’Igino Papa sono stati bruciati dei cassonetti in ben due punti e all’altezza del vecchio mercato coperto è stata anche semidistrutta un’auto che si trovava nelle vicinanze dei cassonetti. Anche la raccolta differenziata in molti casi è stata ignorata, abbondante materiale di plastica è stato rinvenuto nei cassonetti dedicati all’immondizia indifferenziata. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteRoma Aduc: Natale e rifiuti un flop
Articolo successivoIncidente stradale sulla Colombo, un ragazzo muore sotto gli occhi del padre
Nato a Polistena (RC) nel 1987, ha conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione presso l’università di Roma Tre. Le sue passioni sono la lettura, il cinema, i videogiochi e i fumetti. Ha iniziato a scrivere racconti fin dal liceo per un forte bisogno di comunicare e, allo stesso tempo, di interpretare il suo mondo interiore.