Roma: carabinieri scoprono traffico di auto rubate

Arrestati cinque cittadini nigeriani e sequestrata l'area verde utilizzata per il taglio delle auto e adibita a stoccaggio delle parti da rivendere illegalmente

L'Unico Quotidiano Roma-carabinieri

Seguendo un segnale satellitare di un’autovettura rubata, i Carabinieri della Stazione di Roma Tor Vergata hanno portato alla luce un vasto giro di riciclaggio di veicoli, arrestando cinque persone e sequestrando un’area verde utilizzata per il taglio delle auto e adibita a stoccaggio delle parti da rivendere illegalmente.

In manette sono finiti cinque cittadini nigeriani, quattro uomini, di età compresa tra i 23 e i 37 anni e una donna 21enne. Per tutti l’accusa è di riciclaggio in concorso. Allertati dalla centrale operativa di una società che gestisce antifurti satellitari, che ha rilevato un segnale di un veicolo rubato, i carabinieri hanno localizzato un’area verde, recintata e chiusa con un cancello, in via Casale del Finocchio. All’interno, i militari hanno notato la presenza di parti meccaniche e di carrozzeria di veicoli che erano stati smontati.

Appostati all’esterno, i Carabinieri, poco dopo, hanno visto arrivare i cinque complici. La donna, che aveva la disponibilità del terreno, ha aperto il cancello con una chiave e i quattro uomini hanno iniziato ad armeggiare vicino ad un furgone. A quel punto, i Carabinieri sono prontamente intervenuti e li hanno bloccati.

Ispezionando l’intera area hanno trovato, all’interno di due autoarticolati e ben nascoste da materassi e alcuni mobili, due auto di lusso, una delle quali aveva generato il segnale satellitare, e un furgone, già parzialmente smontato, oltre a numerose parti di altre autovetture e furgoni. Tutti i veicoli rinvenuti sono risultati oggetto di furto, denunciati nei mesi scorsi.

I carabinieri hanno anche trovato un dispositivo elettronico, capace di decodificare i codici di apertura e accensione dei veicoli e numerosi attrezzi, utilizzati per il taglio e lo smontaggio dei mezzi. Tutto il materiale e l’area verde sono stati sequestrati. Gli arrestati sono stati portati in carcere, a Regina Coeli gli uomini e la donna a Rebibbia.(L’UNICO)

Lascia un commento

commenti