Roma, famiglia cacciata da San Basilio trova una nuova casa

Consegnate le chiavi del nuovo alloggio a Tor Sapienza alla famiglia marocchina, alla quale i residenti di San Basilio avevano impedito di entrare nella casa popolare precedentemente assegnata

La famiglia Maslouh, cui era stato impedito, a causa delle proteste dei residenti, di andare ad abitare in un alloggio popolare nel quartiere di San Basilio, ha oggi una nuova casa. Al nucleo familiare di origine marocchine, Mourad, Fatya e i loro tre bambini, residente da oltre dieci anni in Italia e legittimi assegnatari di una casa popolare, sono state consegnate ieri mattina, 9 gennaio, le chiavi di un alloggio Ater a Tor Sapienza.

A darne la notizia è l’Ater di Roma, che ricorda: “Era stato assegnato loro un appartamento nel quartiere di San Basilio dove, il 6 dicembre scorso, al momento della consegna, alcuni residenti, con atti intimidatori su cui è stato aperto un procedimento penale, avevano fisicamente impedito l’ingresso costringendo la famiglia ad allontanarsi”.

Nei giorni immediatamente successivi, il Commissario straordinario di Ater Roma Giovanni Tamburino si era impegnato a trovare in tempi brevissimi, in collaborazione il Dipartimento delle politiche abitative di Roma Capitale, un alloggio in un altro quartiere così come richiesto dalla famiglia. Un alloggio che finalmente è stato loro assegnato.

«Come ATER siamo molto soddisfatti di aver potuto dare tempestiva soluzione al caso della famiglia Maslouh – ha dichiarato il Commissario Tamburino presente alla consegna dell’appartamento – e occorre sottolineare che, com’è ovvio, tutto è stato fatto nel pieno rispetto delle procedure previste dalle leggi, senza ricorrere ad alcuna “corsia preferenziale”».

«Grazie alla collaborazione con la task force di Roma Capitale e alle altre Forze dell’Ordine – ha concluso Tamburino – oggi abbiamo dato un ulteriore segno concreto dell’impegno di Ater nel contrasto di ogni forma di illegalità e per la tutela dei diritti dei legittimi assegnatari». (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti