Appio Nuovo: sgominata la baby gang che derubava i coetanei

Identificati i membri della banda che si aggirava armata all’Appio, derubando soldi, cellulari e oggetti di valore alle vittime. Nel gruppo anche una ragazza

Bloccata una baby gang dagli agenti del commissariato Appio Nuovo: nel gruppo di microcriminalità organizzata, molti sono i minorenni che adescavano i loro “bersagli”, peraltro loro coetanei, con vari escamotage al fine di rapinarli.

Si avvicinavano offrendo dell’hashish o chiedendo informazioni, e li derubavano, minacciandoli spesso armati. Sono almeno sette gli episodi di questa baby gang e ben dodici i coinvolti. Sottraevano alle vittime soldi, cellulari e oggetti di valore, a volte servendosi anche della violenza.

Le denunce giunte in commissariato

A denunciare l’accaduto un sedicenne che era stato stato avvicinato da tre ragazzi nel parco della Caffarella, all’Appio-Latino. Con la scusa di una richiesta di informazione, i tre ragazzi lo hanno poi minacciato con un coltello, derubandogli la catenia d’oro che portava al collo.
Qualche ora dopo, arriva un’altra denuncia per un episodio analogo nello stesso commissariato.

Scatta l’indagine

Simili le due descrizioni delle vittime sulla baby gang: simili i modi operandi, medesima la descrizione del ciuffo bianco che caratterizza il “capobanda” munito di arma e identici anche i tatuaggi. Scattata l’indagine, gli investigatori stanno sviluppando una pista delineata in base al riconoscimento di un membro della banda e all’incrocio delle informazioni ottenute dai social network e dal confronto delle banche dati.

Identificazione dei membri della baby gang

Ma l’identificazione di tutti i componenti è arrivata solo in seguito alla terza denuncia. Nel gruppo due minorenni di 17 anni, due fratelli di 18 e 23 finiti in carcere e altri due giovani, un diciottenne ora ai domiciliari, e una giovane ragazza. Presso il tribunale minorile di Roma è invece ancora sotto esame l’esito dei due diciassetteni.

Lascia un commento

commenti