Roma, la Relazione sullo stato dei servizi pubblici locali 2016

Il Presidente Vicario dell’Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali di Roma Capitale, Marco Penna, ha presentato in Campidoglio la dodicesima edizione della Relazione sullo stato dei servizi pubblici locali e sull’attività svolta nel 2016. La Relazione fornisce una quadro aggiornato dei principali servizi pubblici erogati nella Capitale, anche a confronto con alcune delle principali città italiane ed europee.

Quest’anno l’Agenzia ha individuato i servizi da esaminare sulla base delle priorità indicate dai cittadini nel corso dell’Indagine sulla qualità della vita a Roma. Dalle interviste effettuate dall’Agenzia, nei mesi di giugno e luglio 2016, si evidenzia infatti che vi sono alcuni servizi che i cittadini percepiscono più criticamente e a cui viene attribuita una maggiore importanza nel determinare la qualità della vita in città. L’igiene urbana, la pulizia e il decoro della città, il trasporto pubblico locale, l’illuminazione e il verde sono, in ordine, i principali motivi di insoddisfazione per i romani.

Per quanto riguarda l’igiene urbana e la gestione dei rifiuti in particolare , fra i tratti positivi ci sono l’aumento della raccolta differenziata (che con l’estensione del servizio porta a porta ha raggiunto nel 2015 il 42%), la diminuzione dell’indifferenziata e del volume dei rifiuti. Tuttavia questi risultati sono accompagnati dal forte aumento dei costi unitari per il trattamento di entrambe le raccolte, dalla diminuzione dei ricavi unitari della differenziata. Roma, non avendo una discarica di servizio, deve spedire quasi totalmente gli scarti fuori regione, nelle discariche di Emilia Romagna, Piemonte e Lombardia con un considerevole aumento dei relativi costi. Per le tariffe si registra, negli ultimi tre anni, una lieve flessione, dovuta al recupero dell’evasione.

Il trasporto pubblico locale ha visto negli ultimi 10 anni un calo di 13 milioni di vetture/Km. L’offerta della metropolitana è aumenta di 10 milioni di vetture/km (linea C e linea B1), ma tale incremento non compensa gli effetti della razionalizzazione del trasporto di superficie. Anche l’offerta delle ferrovie regionali diminuisce complessivamente del 14%. Inoltre, il trasporto di superficie ha un parco mezzi molto “datato”, che fa sì che il 33% di essi si guasti durante il tragitto. Anche la metropolitana soffre di un deficit manutentivo che causa ritardi nell’erogazione del servizio e numerosi guasti. A tutto ciò si aggiunga che le infrastrutture e i volumi di produzione di servizio sono assolutamente insufficienti in relazione al territorio servito (Roma 2,4 treni/km per abitante, Berlino 5,8 ed infine Londra e Parigi 9,7).

Per migliorare il servizio dell’illuminazione pubblica l’Amministrazione nel 2015 ha approvato il Piano Led. In base a tale progetto verranno sostituite complessivamente 188.700 lampade (90% delle lampade complessive) con corpi illuminanti a tecnologia led, che permettono un risparmio energetico del 50% a parità di flusso luminoso e minori spese per i cittadini.

Con 14,4 mq di verde pro capite Roma è una delle città italiane più ricche di verde pubblico, aumentato del 35% negli ultimi 20 anni. Il numero di giardinieri di Roma Capitale ha però subito una diminuzione vertiginosa del 75%, i lavori sono in gran parte esternalizzati e le risorse economiche impegnate in questo settore si sono fatte sempre più esigue.

In ogni caso, non tutti i servizi secondo i romani necessitano di un urgente intervento: nidi e cultura sono i settori per cui i romani esprimono una certa soddisfazione. Roma offre nel settore dei nidi un servizio di buona qualità a costi inferiori alla media nazionale e anche la gestione delle liste d’attesa è migliorata rispetto al passato.

Roma rimane, come viene evidenziato dalla Rough Guide, la più bella città al mondo e a richiamare più visitatori nel 2015 sono stati i Musei Capitolini e le Scuderie del Quirinale (che quest’anno sono tornate di competenza statale). I ricavi dei musei aumentano e la spesa per i musei diminuisce, consegnandoci un esempio di buona amministrazione della città.

Lascia un commento

commenti