Roma, prende 400 multe ma risulta irreperibile. Denunciato un 43enne

L'uomo è stato fermato alla guida di un'auto intestata al fratello residente all'estero, poi deceduto. Dovrà rispondere del reato di sostituzione di persona oltre che del pagamento di 400 verbali

Più di 400 multe a suo carico ma risultava irreperibile. Un 43enne italiano continuava a circolare sulla sua Land Rover incurante delle contravvenzioni che non era possibile notificargli.

Due giorni fa la svolta, quando la Polizia Locale lo ha bloccato all’altezza di via Piave dopo una lunga serie di indagini. L’uomo circolava con l’assicurazione scaduta, senza revisione, con la patente sospesa e a bordo di un’auto intestata al fratello poi deceduto. Un anno fa era stato fermato da una pattuglia per un controllo, anche se a quel tempo non risultavano irregolarità se non la mancanza dei documenti. In quell’occasione l’uomo alla guida aveva dichiarato la sua identità, garantita dalla compagna, spacciandosi per il fratello.

Le verifiche sono iniziate quando l’uomo non ha ottemperato all’obbligo di portare in visione i documenti. Il fratello risultava residente in Spagna, e ci sono voluti parecchi mesi prima che il Ministero dell’Interno spagnolo, tramite l’ambasciata italiana, comunicasse che non era possibile rintracciarlo. Da qui sono scattati gli appostamenti fino a due giorni fa, quando l’indagato è stata condotto a via della Greca, presso il Comando del I Gruppo Trevi, insieme alla sua compagna. Sarà inviata un’informativa all’Autorità Giudiziaria per procedere in merito al reato di sostituzione di persona e, ovviamente, al Dipartimento delle Risorse Economiche per far notificare nuovamente tutti i 400 verbali non pagati. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti