Processo delitto Varani: rito abbreviato per Foffo e ordinario per Varani

Scelte processuali diverse per i due trentenni accusati di aver ucciso, la mattina dello scorso 4 marzo, il 23enne, Luca Varani, dopo un festino a base di droga

E’ iniziato oggi il processo per il delitto Varani. Scelte processuali diverse per i due trentenni protagonisti del delitto del Collatino: giudizio abbreviato per Manuel Foffo e rito ordinario per Marco Prato. Entrambi sono stati accusati dal pm, Francesco Scavo, di aver torturato e ucciso il 23enne di La Storta, Luca Varani. Nell’udienza odierna, svoltasi davanti al gup, Nicola Di Grazia, i difensori dei due imputati (entrambi assenti davanti al giudice) hanno optato per un rito diverso. Nonostante ciò, nell’udienza del 21 febbraio, il giudice dovrà pronunciarsi nello stesso momento per l’eventuale rinvio a giudizio di Prato, difeso dall’avvocato Pasquale Bartolo, e per la condanna in abbreviato di Foffo.

Il difensore di quest’ultimo, l’avvocato Michele Andreano, ha inoltre presentato una testimonianza medica sulle condizioni di salute mentale del suo assistito, che comprende esami specifici psichiatrici, genetici e risonanze. Tali esami potrebbero dimostrare che lo studente fuori corso di Economia è affetto da una patologia che lo avrebbe reso incapace di intendere e volere al momento del fatto.

Il giudice dell’udienza preliminare ha, dunque, fissato per il 6 febbraio prossimo un’udienza per l’intervento del pm Francesco Scavo e delle parti civili (i genitori di Luca Varani e la fidanzata del giovane); mentre il 21 febbraio parleranno i difensori, ed è inoltre possibile che nella stessa giornata il giudice si pronunci sia sull’esito del rito abbreviato sia sulla data del rinvio a giudizio per Prato.

Lascia un commento

commenti