Roma, un progetto per coinvolgere i migranti nei lavori socialmente utili

Sarà firmato la prossima settimana dal prefetto Basilone e la sindaca Raggi il progetto, già sperimentato a Fiumicino, per l'integrazione dei migranti con i lavori socialmente utili. Basilone: "Applichiamo ciò che il nostro paese che ha una storia d'immigrazione lunghissima ha sempre fatto"

Il prefetto di Roma Paola Basilone ha annunciato che la prossima settimana sarà siglato un progetto sul coinvolgimento dei migranti nei lavori socialmente utili tra la prefettura e il Comune di Roma. Lo ha annunciato a margine della presentazione di un simile progetto, che prevede il reinserimento lavorativo di 12 migranti, avviato con il comune di Fiumicino. “Noi firmiamo in linea di massima per regolamentare questo rapporto – ha detto Basilone –, poi sarà il sindaco che deciderà come, dove e quando”, e quindi anche quanti migranti coinvolgere.

“Deve essere un contagio positivo – continua il prefetto –, questi fenomeni vanno governati e più si governano più si assicura la sicurezza pubblica. Ciò che inizia oggi a Fiumicino così come in altri comuni è un esempio, un progetto positivo e virtuoso”. “Diamo ai cittadini – sottolinea Basilone – la sensazione che l’immigrato che viene sul nostro territorio non viene a sfruttare. È un dovere di un Paese civile assisterli. Nel frattempo li integriamo in modo che nessuno rimanga indietro. Applichiamo ciò che il nostro paese che ha una storia d’immigrazione lunghissima ha sempre fatto. Noi veniamo da una storia di emigrazione: dobbiamo essere pronti a ricordarci questo dato”.

Il progetto per Roma, già sperimentato a Fiumicino e in altri comuni, verrà firmato la prossima settimana dal prefetto e dalla sindaca di Roma Virginia Raggi. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti