Salta il concertone di Capodanno e il Comune vara ordinanza antipetardi

Alcuni sponsor si tirano indietro, facendo saltare l'unico evento in programma per la notte di San Silvestro. Varata nel frattempo anche un'ordinanza che vieta botti, petardi e fuochi artificiali

E’ saltato il concertone di Capodanno. L’evento che si ripropone da decenni al Circo Massimo quest’anno non vedrà luce, per via di una fuga da parte di diversi sponsor, che non finanzieranno più l’evento.

Salta così l’unica iniziativa dell’amministrazione comunale, proposta dal Dipartimento alla Cultura di Roma attraverso un bando pubblico. Alcuni sponsor, probabilmente intimoriti dalle ultime vicende che riguardano la giunta, hanno deciso di fare un passo indietro.

Un’altro piccolo grande dramma che attanaglia la giunta Raggi, e che non placa di certo le numerose polemiche nate negli ultimi giorni. Da parte sua, il Comune fa sapere di avere comunque in programma diversi eventi per l’1 Gennaio.

L’assessorato alla Cultura aveva proposto nei giorni scorsi una serie di iniziative da organizzare tra i ponti sul Tevere: il programma si sviluppa con il primo evento alle tre della notte di Capodanno, per poi proseguire nelle ore della giornata che aprirà il 2017. Si dovrà pensare ad un programma alternativo anche per quanto riguarda la notte di San Silvestro, sulla quale ci sono grandi attese da parte di tutti i romani. Ciò che sembra certo è che non si voglia ricorrere all’affidamento a trattativa diretta, come fece il commissario, Francesco Paolo Tronca, ricevendo forti critiche anche dal M5S.

Nel frattempo, ieri, la sindaca, Virginia Raggi ha firmato l’ordinanza che vieta botti, petardi e fuochi artificiali in tutta l’area di Roma dal 29 Dicembre fino alla mezzanotte dell’1 Gennaio. Così recita l’ordinanza “nel territorio di Roma capitale è disposto il divieto assoluto di usare materiale esplodente, fuochi artificiali, petardi, botti, razzi e altri simili artifici pirotecnici e in genere artifici contenenti miscele detonanti ed esplodenti”.

 

Lascia un commento

commenti