Roma, l’ultimo saluto a Gabriele Simonacci

Il giovanissimo barman, diventato papà da appena due giorni, è morto in un incidente stradale alle prime luci dell'alba di domenica. A ricordarlo, oltre alla famiglia, una gremita folla di amici

Una chiesa gremita di gente oggi, 9 febbraio, alla Balduina, dove in molti si sono ritrovati per dare l’ultimo saluto a Gabriele Simonacci, giovane barman di un noto locale deceduto domenica in un incidente stradale. Non solo la sua famiglia, ma anche la compagna, da cui aveva avuto una figlia da soli due giorni e numerosi colleghi e amici.

Gabriele Simonacci ha perso la vita tornando a casa dal lavoro, quando a bordo del suo scooter, intorno alle 5:30, in prossimità di Corso Vittorio, si è scontrato con un taxi. Per liberarlo è stato necessario l’intervento del carro gru dei vigili del fuoco. Secondo i primi accertamenti il 28enne non sarebbe riuscito ad evitare l’auto bianca, in quel momento intenta ad una manovra per uscire dalla stazione taxi di Chiesa Nuova. Un’inversione a U che non ha lasciato scampo a Gabriele, morto sul colpo. Un punto notoriamente pericoloso, denunciato spesso proprio dai tassisti.

Circa un migliaio di persone oggi lo hanno ricordato presso la chiesa Pio X, ed in sua memoria si terrà anche un concerto nel locale dove lavorava da sempre assieme ad i suoi amici.

Lascia un commento

commenti