Via Nazionale: cucciolo di cane sfruttato per accattonaggio

Il cucciolo è stato sequestrato dalle guardie zoofile di Earth, associazione nazionale per la tutela di animali e ambiente

In via Nazionale, nel pieno centro di Roma, una ragazza chiedeva denaro ai passanti e per far leva sulla loro compassione sfruttava un cucciolo di cane. Il piccolo era costretto a stare legato per ore vicino a lei. Diverse persone hanno segnalato la situazione ad Earth, associazione nazionale per la tutela di animali e ambiente, e molti dei segnalanti si sono dichiarati stupiti e increduli del fatto che nessuno fosse intervenuto. La scena infatti si svolgeva sotto gli occhi di tutti in una delle vie più affollate del centro di Roma, ma nonostante ciò nulla era stato fatto.

Earth, considerata la situazione di sfruttamento a cui il cucciolo di cane era sottoposto, ha disposto l’intervento immediato delle sue guardie zoofile. Sul posto sono giunti il dirigente delle guardie zoofile, Simone Cimmino, accompagnato da agenti di Earth.

Rintracciata la donna sono scattati i controlli sull’animale. Il cucciolo, un simil maremmano, aveva un chip rumeno che risultava non registrato in Italia, quindi irrintracciabile, mentre sul libretto in possesso della ragazza risultavano delle incongruenze tali da far pensare ad una contraffazione. Tra queste l’età del cane che sul libretto risultava avere 6 mesi, ma dalla dentizione sembrerebbe in realtà essere molto più piccolo di quanto dichiarato.

Le guardie zoofile Earth hanno sequestrato il cucciolo che è stato mandato al canile sanitario per accertamenti.

“Per il cucciolo sono già pervenute diverse richieste di affido da parte di associazioni e di privati – fa sapere Valentina Coppola, Presidente di Earth – speriamo che questa vicenda si concluda al meglio e che questo cucciolo possa ricominciare a vivere una nuova vita libera da qualsiasi forma di sfruttamento”.

Lascia un commento

commenti