San Basilio: protesta in municipio per gli sfratti

Per gli attivisti di Usb è necessaria un'imminente soluzione per risolvere la questione delle case popolari a San Basilio. La presidente del IV municipio, Roberta della Casa, ribatte promettendo un incontro pubblico sul tema dell'emergenza abitativa

Questa mattina, la presidente del IV municipio, Roberta Della Casa, ha promesso un incontro pubblico sul tema dell’emergenza abitativa e, in particolare, sulla situazione delle case popolari a San Basilio e nel municipio. Impegno che la presidente ha preso durante un incontro che ha registrato circa 200 partecipanti, tra attivisti di Asia Usb, abitanti delle case popolari e occupanti, che hanno protestato presso la sede del miniparlamento di via Tiburtina 1163.

Si è svolta proprio lo scorso venerdì, a San Basilio, l’ennesima protesta per impedire lo sgombero di un alloggio popolare occupato da una donna malata di tumore, che è sfociata in uno scontro con la polizia. Proprio oggi, la rabbia per quanto accaduto, ha dato origine alla protesta. “Chiediamo che gli amministratori più vicini ai territorio si esprimano in merito a una situazione che è sempre più difficile” spiega Michelangelo Giglio, di Asia Usb (Unione Sindacale di Base).

L’esigenza dell’amministrazione capitolina di scorrere la graduatoria per l’assegnazione delle case popolari, che vede in attesa migliaia di persone da anni, si scontra con la giungla delle occupazioni senza titolo degli alloggi pubblici, fatta anche di pratiche mai regolarizzate nel tempo e di situazioni di disagio economico e sociale che vengono messe di fronte a sfratti e sgomberi con inevitabile tensione.

“Chiediamo che prima di sgomberare le persone, vengano riempiti gli alloggi vuoti da anni. Inoltre che venga effettuata una sanatoria degli occupanti delle case popolari valutando caso per caso gli aventi diritto in base al reddito, assicurandosi per esempio che non possiedano altri immobili” puntualizza Giglio. “Inoltre chiediamo finanziamenti per la manutenzione di questi immobili, che spesso presentano problemi alle fogne o sono infestati dai topi”. Alla presidente del municipio, continua Giglio, “chiediamo di attivarsi presso la sindaca Virginia Raggi perché si interessi in prima persona di questa situazione”.

“Questa mattina mi sono dichiarata disponibile ad organizzare un incontro pubblico che affronti la situazione” ribatte la presidente Roberta Della Casa. “Ci tengo però a sottolineare che l’amministrazione comunale è già al lavoro per tentare di mettere ordine alla situazione complicata degli alloggi pubblici. Servirà del tempo”. Inoltre, per quanto riguarda situazioni delicate, come lo sgombero di venerdì scorso, afferma: “In molti casi l’istruttoria in merito alla posizione di alcune posizioni irregolari è già in stato avanzato tanto da non poter essere fermata”. Infine conclude: “Ricordo che come opposizione, la scorsa consiliatura, abbiamo già proposto e fatto approvare un documento in cui si chiedeva la verifica caso per caso prima di effettuare uno sgombero negli alloggi pubblici. Ritengo più efficace che attualmente, sul punto, restiamo in contatto con i nostri rappresentanti nei tavoli tematici di Regione e Comune”.

Lascia un commento

commenti