Roma, sciopero dei tassisti, protesta a Palazzo Madama: disagi alla circolazione

Protesta dei tassisti davanti al Senato contro emendamento pro-Uber. Questa mattina numerosi i disagi per gli utenti, bloccata la circolazione in centro e rimasti scoperti gli scali di Fiumicino e Ciampino

Tassisti protestano contro il governo a Roma per un emendamento al Milleproroghe in discussione al Senato che favorirebbe la piattaforma Uber. Da questa mattina diverse centinaia di autisti di taxi protestano dietro un cordone di polizia in corso Rinascimento dove c’è l’ingresso principale di Palazzo Madama. Niente servizio per gli aeroporti: il Codacons denuncia “gravissimi disagi per gli utenti”.

L‘associazione annuncia che depositerà un esposto urgente alle Procure della Repubblica di Roma, Milano e Torino, chiedendo di “aprire una indagine sulla protesta odierna dei tassisti, alla luce delle possibili fattispecie di interruzione di pubblico servizio e blocco stradale”. “Ciò che sta avvenendo in queste ore è gravissimo e intollerabile – spiega l’associazione dei consumatori – senza alcun preavviso gli utenti sono stati privati di un servizio pubblico, con immensi disagi per i cittadini che in diverse città non riescono a reperire un taxi. Addirittura a Roma si è arrivati a bloccare la circolazione in centro e sono rimasti scoperti gli scali di Fiumicino e Ciampino”.

Anche l’Autorità di garanzia per gli scioperi ha chiesto informazioni urgenti alle Prefetture dei capoluoghi di Regione relativamente alle manifestazioni dei conducenti di taxi in corso da ieri.

In particolare, “qualora tali manifestazioni dovessero apparire contrarie alle norme relative all’esercizio del diritto di sciopero (tra l’altro con riguardo al preavviso, la durata, l’informativa all’utenza, la garanzia dei servizi minimi), l’Autorità aprirà un procedimento di valutazione, anche al fine dell’adozione delle relative sanzioni”.