Sparatoria in un bar a Talenti: parla il titolare

Dopo la sparatoria avvenuta lo scorso sabato, parla il titolare del locale, che spiega il motivo per cui ha deciso di non voler denunciare l'uomo

Una serata come le altre, che poteva finire in tragedia. E’ successo in un bar di Talenti, il To e To, dove nella prima serata di sabato 28 gennaio si è verificata una sparatoria. Un grande spavento e nessun ferito, nonostante nel locale fossero presenti diversi clienti.

Il locale, che si trova lungo Via Luigi Capuana, è frequentato principalmente dai residenti della zona, clienti abituali. Ed è stato proprio un cliente abituale ad aprire il fuoco, apparentemente senza un preciso motivo.

A raccontare quanto successo ci pensa il titolare del locale, Tonino de Santis. In quel momento si trovava di turno nel suo locale, e l’uomo che avrebbe poi sparato, una conoscenza del titolare, si trovava al bancone, particolarmente alticcio. Proprio de Santis ha chiesto più volte all’uomo di uscire dal locale, finché questo non ha tirato fuori una pistola.

In un primo momento, l’arma è stata considerata un giocattolo. A quel punto, è intervenuto un’altra persona che si trovava all’interno del locale, che ha fatto uscire l’uomo in stato di ebbrezza. Questo, di tutta risposta, ha impugnato l’arma ed ha sparato tre colpi contro la vetrina del bar.

Tre colpi reali, veri, che potevano ferire o uccidere qualcuno. Dopo lo sgomento iniziale, il titolare dell’attività ha informato la polizia dell’accaduto, ed ha deciso di non denunciare l’uomo, in quanto consapevole della sua particolare condizione.

L’uomo infatti è un quarantenne residente della zona, da anni cliente del locale. Ed è lo stesso titolare ad ammettere che “ha fatto una stupidaggine” che dovrà pagare. Nonostante la paura, ed i fori ancora visibili nella vetrina del locale, il titolare si è tranquillizzato, e pensa già a quando questa brutta storia non sarà altro che un “racconto da bar”.

Lascia un commento

commenti