Stazione Tiburtina: soluzione per i migranti transitanti

La prefettura grazie al ricollocamento di 92 migranti presenti nel centro della Croce Rossa in via del Frantoio in altre strutture e' riuscita a liberare i posti necessari ai nuovi arrivi

L’incontro di mercoledì pomeriggio tra l’assessore alla Persona, Scuola e comunità solidale Laura Baldassarre e il sindaco Virginia Raggi ha portato ad una soluzione, sulla vicenda di 90 o poco più migranti accampati nei pressi della stazione Tiburtina, in seguito allo sgombero del centro di accoglienza ”Baobab”. Le numerose lamentele sia dei cittadini in loco, che contestavano il degrado prodotto da una vera e propria tendopoli, sia delle numerose associazioni umanitarie che lamentavano le deprecabili condizioni di vita dei migranti, hanno contribuito a tale decisione da parte del Campidoglio e della prefettura. Quest’ultima, difatti, grazie al ricollocamento di  92 migranti presenti nel centro della Croce Rossa in via del Frantoio (quartiere Collatino) in altre strutture, e’ riuscita a liberare i posti necessari ai nuovi arrivi.

”Il nostro fine e’ garantire un’accoglienza dignitosa per i migranti transitanti.Ognuno può e deve fare la propria parte.Questa amministrazione punta ad un’azione concreta per togliere queste persone dalla strada e offrire loro una soluzione più stabile,un tetto,non una tenda” dichiara Virginia Raggi.

Nonostante queste dichiarazioni, sulla questione migranti non e’ ancora stata trovata una soluzione soddisfacente.Il summit dei sindaci delle grandi città europee,che si terrà a Roma la settimana prossima,potrebbe essere la giusta occasione.

Lascia un commento

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteUNICEF e FSI, al via il progetto “A scuola con gli Scacchi”
Articolo successivoDerby, clima rovente in tutta la città
Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Nel 2015 integra il suo percorso di studi con un master di secondo livello in scienze forensi diretto dal criminologo Francesco Bruno, con cui collabora. Appassionato di cultura orientale, pratica l'arte dello IAIDO (la via del samurai) da sei anni, dell'origami e della scrittura giapponese. Amante della buona musica e cultore delle tendenze musicali del momento.