Teatro Roma: debutta la commedia “Volevo il maggiordomo”

Andrà in scena al Teatro Roma la commedia dal titolo "Volevo il maggiordomo" scritta da Mario Alessandro Paolelli . Tra comicità partenopea e humour inglese, risate assicurate

Waiter holding empty silver tray over gray background

Il 14 febbraio debutterà al Teatro Roma Volevo il maggiordomo la brillante commedia interpretata da Fabio Avaro Enzo Casertano insieme con Maria Chiara Cimini e Antonia Di Francesco diretti dalla regia di Roberto D’Alessandro.

Scritta da Mario Alessandro Paolelli la commedia racconta di un cinquantenne zitello (Fabio Avaro) fissato con l’opera lirica, che vive da anni con la sorella, orgogliosamente zitella anche lei. I loro esilaranti bisticci e la loro uggiosa quotidianità vengono stravolti dall’arrivo di un maggiordomo (Enzo Casertano) “campano purosangue” che unisce lo humour britannico alla dissacrante ironia partenopea. Il nuovo arrivato sconvolgerà la vita dei due fratelli e della vicina, signora volgarotta  arricchitasi con una catena di macellerie, in un susseguirsi di gag, tormentoni e filetti di vitella. Il maggiordomo riuscirà a tirar fuori prima il peggio e poi il meglio da tutte le persone che lo circondano, incitandole a rincorrere i loro sogni e soprattutto a realizzarli! Ma sul probabile ‘happy ending‘, verrà fuori che il padrone di casa nasconde un segreto…

Molti maggiordomi si sono susseguiti nella storia della letteratura e del cinema. Dal cinico ma determinante Jeeves nei tanti lavori dello scrittore inglese P.G.Wodehouse, al compassato ed imperturbabile Anthony Hopkins in ‘Quel che resta del giorno’, dal deferente ‘The Butler’ interpretato da Forest Whitaker al “prendi schiaffi” Camillo interpretato da  Totò in‘Lascia o Raddoppia’.

Il maggiordomo ideato da Mario Alessandro Paolelli ed interpretato da Enzo Casertano è un po’ tutto questo, cortesia, deferenza, persino garbata ironia, ma c’è l’ingrediente segreto a sparigliare le carte: il buon Ciro è  infatti un campano purosangue.

In Volevo il Maggiordomo si mescola dunque il piccante e scoppiettante humour britannico alla dissacrante e cinica comicità partenopea con un’escalation di gag, battute e detti napoletani che irrompono nella vita di una coppia alquanto particolare di fratelli, ormai condannati ad una vita di dispetti e frecciatine.

Ad un certo punto però il maggiordomo compie un atto per lui davvero poco professionale: si affeziona.

“Ed ecco il senso della commedia venire a galla” spiega Paolelli, “non lasciamoci costringere in schemi ed archetipi che la vita, nel suo incedere elegante, ma inesorabile, ci pone davanti. Per poter  ‘scavalcare il recinto’ c’è proprio bisogno di ‘sentire la fine’? Dobbiamo per forza, noi esseri umani, percepire il pericolo per tirare fuori gli artigli? Tutti noi abbiamo bisogno di un lieto fine e, vedrete, saranno proprio questo Maggiordomo insieme ad una signora professionista in mattatoi e macellerie a riportare l’allegria in una famiglia ormai allo stremo della quotidianità e degli affanni”.

Proprio uno di quegli affanni farà infatti scatenare nel Maggiordomo la voglia di superare i suoi doveri ed a far intraprendere ai due padroni di casa un viaggio, insieme allo spettatore, oltre i propri limiti.

Lascia un commento

commenti