Tor Bella Monaca, ai domiciliari continua a spacciare, in carcere con il fratellastro

Finiti in manette due fratelli romani, il maggiore già agli arresti domiciliari. Trovati, nella loro abitazione, mezzo chilo di cocaina, denaro e materiale per lo spaccio

Nonostante fosse agli arresti domiciliari per droga, continuava, insieme al fratellastro, la sua attività di spaccio in casa, dove incontrava gli acquirenti e dove deteneva circa mezzo chilo di droga e oltre 12.000 euro in contanti. In manette, arrestati dai Carabinieri della Stazione di Roma Tor Bella Monaca, sono finiti un 28enne, già ai domiciliari, e il fratello 19enne, entrambi romani e residenti in un’abitazione in viale dell’Archeologia dove è scattato il blitz dei Carabinieri.

Grazie a mirati servizi di osservazione e a pedinamenti di tossicodipendenti della zona, i militari hanno individuato la piazza di spaccio domiciliare che i due avevano creato. All’interno della casa, i Carabinieri hanno trovato i due intenti a cedere dosi di cocaina ad un acquirente, identificato e segnalato alla Prefettura quale assuntore. L’ispezione nelle loro camere ha permesso di trovare nove pacchi contenenti circa mezzo chilo di cocaina e diverse dosi di marijuana, oltre a materiale vario per il taglio e confezionamento e 12.000 euro, provento dello spaccio.

La droga, il materiale e il denaro rinvenuti sono stati sequestrati, mentre i due arrestati sono stati portati in caserma e trattenuti in attesa del rito direttissimo. Dovranno rispondere di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti