Tor di Valle, Eurnova chiede un altro mese per concludere il progetto

Il 3 marzo era previsto l'incontro della conferenza dei servizi per lo stadio di Tor di Valle, ma Eurnova chiede con una lettera una proroga di 30 giorni per concludere il progetto definitivo e superare le criticità emerse

“La società Eurnova srl chiede una sospensione dei lavori della Conferenza dei Servizi decisoria e dei procedimenti connessi per un termine non inferiore ai giorni trenta al fine di superare le criticità evidenziate e definite il procedimento con esito positivo”. Lo si legge nella lettera che la società sta inviando alla conferenza dei servizi. La prossima riunione della conferenza era convocata per il 3 marzo dopo una prima proroga richiesta dal Campidoglio.

Eurnova fa capo al costruttore Luca Parnasi, ed è proprietaria dell’area dell’ippodromo di Tor di Valle dove è previsto venga costruito lo stadio dell’As Roma. Tra le criticità evidenziate dai mittenti nella lettera, figurano il vincolo posto dalla Soprintendenza del MiBACT sull’area dell’ippodromo di Tor di Valle, i “motivi ostativi alla pronuncia favorevole di compatibilità ambientale” evidenziati dalla Regione Lazio e la volontà di “procedere alla ridefinizione dell’interesse pubblico” individuato da Marino, “con particolare riferimento all’individuazione delle opere pubbliche”.

Entro 10 giorni si dovrebbe avere un dossier di massima e un nuovo rendering sul nuovo progetto, ma per quello definitivo occorreranno ulteriori due settimane. (L’UNICO)

Lascia un commento

commenti