Truffa sulla manutenzione dei mezzi Cotral, un arresto a Roma

Il titolare di una carrozzeria avrebbe falsificato i rapporti sulla riparazione sulla manutenzione dei mezzi, con la compiacenza di alcuni impiegati del Cotral

Truffa aggravata ai danni dello Stato, frode in pubbliche forniture, attentato alla sicurezza dei trasporti, abuso d’ufficio, turbata libertà degli incanti e falso. Una lista di reati di tutto rispetto quella presentata nei confronti di un 55enne romano, titolare di un’officina che forniva servizi di manutenzione agli automezzi Cotral.

Lista di reati che potremmo sintetizzare brevemente come “manutenzione fantasma”: l’uomo infatti, grazie alla compiacenza di alcuni impiegati del Cotral, fingeva di effettuare riparazioni o operazioni di manutenzione sui mezzi di linea. Una mancanza gravissima, data anche la precaria condizione di molti mezzi, che avrebbe aggravato ulteriormente la situazione generando nuovi e numerosi guasti ai mezzi in servizio.

Le indagini sono durate oltre due anni, ed hanno permesso di accertare, oltre alla perdurante truffa da parte del carrozziere, anche tutta una serie di dipendenti infedeli che erano pronti ad accertare e verificare le riparazioni mai avvenute. A seguito di un controllo effettuato su circa 1.400 mezzi, sono state riscontrate delle irregolarità nate proprio a seguito degli interventi di manutenzione fittizi.

Il sistema usato dal carrozziere è in realtà un vecchio trucco: pezzi vecchi o usati venivano spacciati per nuovi, e dopo un’accurata pulizia venivano reinseriti nel mezzo. Ma non solo, dato che anche in caso di nuove forniture la ditta tratteneva i pezzi per rivendeli a terzi, senza mai effettuare cambi sui mezzi malandati. Sono state verificate anche delle irregolarità nei cronotachigrafi digitali, che non venivano tarate a dovere, o sui sistemi di rilevazione GPS dei mezzi.

E c’è anche dell’altro: le finte riparazioni riguardavano anche i sistemi meccanici dei mezzi, come quello dei freni o dello sterzo. Parti essenziali, che funzionando male possono causare malfunzionamenti gravi, addirittura mortali per i passeggeri. Oltre ai guasti infatti, si sono verificati addirittura degli incendi su alcuni mezzi delle linee regionali.

Per questo motivo, i finanzieri del Comando provinciale di Roma hanno tratto in arresto il titolare della carrozzeria, mentre la polizia giudiziaria ha denunciato a piede libero i dipendenti coinvolti nell’attività illecita. Si stima che Cotral abbia speso circa 91.000€ in servizi di manutenzione e riparazione mai avvenuti, somma che è stata sequestrata in via cautelativa dai finanzieri alla stessa attività.

Lascia un commento

commenti