Valmontone, strangolò l’anziana madre, condannato a 16 anni

I fatti risalgono all'agosto del 2014, quando l'uomo strangolò l'anziana madre dopo che la donna si rifiutò di dargli del denaro

Condanna confermata in appello per Salvatore Trolli, il 49enne sotto processo perché accusato di aver strangolato la madre durante un litigio nell’agosto 2014 nell’abitazione della donna, a Valmontone. La prima Corte d’assise d’appello ha inflitto all’uomo 16 anni di reclusione per omicidio volontario aggravato dal rapporto di parentela, confermando la sentenza emessa nel febbraio dello scorso anno dal gup di Velletri a conclusione del processo che si svolse col rito abbreviato.

Era la sera del 31 agosto 2014 quando alcuni parenti di Antonia Pellegrini, all’epoca 79enne, si preoccuparono perché la donna non rispondeva alle loro chiamate. Il giorno successivo, altri parenti da una finestra dell’appartamento videro l’anziana a terra. Riuscirono ad entrare da una finestra e si accorsero che Antonia Pellegrini era morta; a nulla servì l’intervento dei medici.

Presto le indagini dei carabinieri e i sospetti dei parenti, secondo quanto si apprese, si focalizzarono sul figlio della donna (che abitava al piano di sopra), conosciuto come disoccupato e dedito all’alcol. Trolli inizialmente cercò di far rilevare la sua estraneità; in un secondo momento, però, durante un interrogatorio assistito davanti al pm, confessò sostanzialmente i fatti. Spiegò che nel pomeriggio di quel giorno era andato dalla madre e in quell’occasione c’era stato un diverbio, causato da un atteggiamento negativo dell’anziana nei suoi confronti e anche nei confronti della sua convivente.

Trolli aggiunse di aver spintonato la madre, di averle messe le mani al collo, ma di non essersi accorto di averla uccisa. Per gli investigatori l’uomo invece aveva strangolato la madre per soldi. Accertarono l’esistenza di continue richieste di denaro; in sostanza si convinsero che l’anziana madre era diventata per il figlio una sorta di bancomat. E dopo un rifiuto, si sarebbe scatenata la follia omicida.

Lascia un commento

commenti