Zagarolo, lite degenera in tentato omicidio

Un uomo ha aggredito il cognato ed un suo amico con un grosso coltello da cucina. Le vittime sono entrambe in pericolo di vita

Attimi di follia ieri pomeriggio in Via Apollaria, a Zagarolo. Un uomo di 56 anni, residente della zona, ha tentato un duplice omicidio accoltellando più volte il cognato di 46 anni ed un suo amico, di 47 anni. Stando a quanto riferito da Carabinieri, la lite sarebbe nata per futili motivi.

Dopo una lunga e accesa discussione, il 56enne avrebbe impugnato un grande coltello da cucina, iniziando a colpire i due interlocutori. Il primo ad essere colpito è stato il cognato, ferito sulla schiena, ad un gomito e sul dorso. Subito dopo, la furia dell’uomo si è scagliata sull’amico del parente, ferito sul torace, all’adome e sulle braccia. Entrambi versano in gravissime condizioni, e sono in pericolo di vita.

All’ingresso degli agenti nell’abitazione, si è presentato un vero e proprio lago di sangue. L’uomo è stato arrestato per direttissima dai Carabinieri, con l’accusa di tentato duplice omicidio, ed è stato trasportato nel carcere di Rebibbia.

Lascia un commento

commenti